1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 0.00 (0 Votes)

Valutazione attuale: 5 / 5

Stella attivaStella attivaStella attivaStella attivaStella attiva
 

vedi flickr (www.flickr.com): Antonio Palermi Chiunque sia salito a Prati di Tivo avrà notato la parete che si trova proprio sopra la strada che congiunge Intermesoli a Fano Adriano. Quelle rocce sono chiamate le "Vene Rosse", sono di calcare a tratti molto compatto e fino ad oggi sono stati attrezzati 4 itinerari di arrampicata. Altra caratteristica della parete sono i "Grignetti". Sono delle vasche che probabilemnte sono state usate per pigiare l'uva, per ulteriori informazioni vedere: Fano Adriano su Wikipedia.

Commento

Il posto è molto bello, la scalata anche. Fino ad oggi sono stati tracciati 4 itinerari, sono tutti abbastanza impegantivi (6c in su). Gli itinerari sono facilmente visibili, 2 proprio sulla parete rossa sopra la strada (4 tiri), mentre gli altri 2 (monotiri) sono proprio sopra la caratteristica vasca (Grignetti) che si raggiunge seguendo il sentiero (guglia di sinistra). I due itinerari più lunghi non sono attrezzati allo stesso modo, quello di sinistra ha ancora vecchi spit mentre quello di destra ha fix in acciaio. Le prime due soste sono in comune. Al secondo tiro se si segue la linea di destra (fix) si affrontano difficoltà di 7a+.

Accesso

Dal paese di Intermesoli si continua per Fano Adriano. La strada è subito chiusa dopo l'abitato per una frana e occorre lasciare l'auto nei pressi della sbarra con divieto di transito. A piedi in circa 30 minuti si raggiunge la base delle pareti.

Da Fano Adriano invece è possibile arrivare fin sotto la parete in auto.

Scheda

Da sinistra verso destra.
2 monotiri senza nome (sopra i "grignetti" ), chiodate da Paolo De Laurentis e Pierpaolo Reggimenti. A sinistra (6c+, a destra 7a+).
Sulla parete più alta: la via a fix "il Pasto nudo" è stata chiodata da Pino Sabbatini e Pierpaolo Reggimenti.
La "variante" sul secondo tiro è stata attrezzata da Paolo De Laurentis e Pierpaolo Reggimenti.
Esistono poi altre vie "minori" nei pressi del paese a cura di Pierpaolo Reggimenti.

Il pasto nudo

Si tratta della via più lunga della parete (4L), attrezzata con fix in acciaio inox e catene alle soste. Presenta difficoltà continue ed omogenee. Discesa: con due doppie lungo la via.

  1. 20 m - 6b
  2. 20 m - 6c
  3. 15 m - 6b+
  4. 20 m - 6c+

Variante (a destra) del secondo tiro: difficoltà 7a+.

Discesa con due corde doppie.

Dai un voto a questo sito di arrampicata: 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (2 Votes)

Immagini

Foto tratte da logo flickr Flickr (Antonio Palermi)

{jacomment on}