vedi flickr (www.flickr.com): Antonio Palermi Il monte Mileto è il più meridionale delle Montagne del Morrone. Alto poco meno di 2000 m presenta due versanti molto diversi tra loro, a est digrada velocemente verso il passo San Leonardo mentre a ovest precipita per quasi 1000 metri sulla sottostante valle Peligna. Alla base di questo versante si trova Pacentro, un paese che appartiene al club dei borghi più belli d'Italia, ben tenuto e ricco di storia. L'escursione inizia poco più a monte di Pacentro e si snoda tra ambienti molto vari, in basso predomina il bosco ma in alto la vista può spaziare a 360°. Ed è proprio la variabilità dei panorami un elemento caratterizzante di questa escursione, dalle torri di Pacentro al vallone di Mileto coperto da boschi alla valle Dentro con il pascolo di cavalli e ed infine la cima del Mileto con la superba vista della Majella e della conca di Sulmona.

Giunti in cima consigliamo di scendere per il percorso che passa nei pressi del Guado di San Leonardo, così si chiude un anello e l'escursione è più remunerativa. Il sentiero è segnato con i classici segni bianco-rossi e non presenta difficoltà particolari, tutto il percorso è compreso nel Parco Nazionale della Majella. Sicuramente è consigliata una visita a Pacento, al suo antico castello e alle sue torri. Va ricordato che molti conoscono Pacentro solo perchè è il paese di origine della nonna di Madonna.

Dai un voto a questo itinerario: 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 4.00 (4 Votes)

Accesso

Da Pacentro si segue la strada verso Passo San Leonardo e si parcheggia dopo il sesto tornante; a circa 870 m.

Salita

Dal tornante inizia un largo sentiero in piano verso sinistra (nord). Fatti pochi metri # fare attenzione a non andare oltre ma deviare nettamente a destra (segni di vernice, sentiero Q5 #, ex 10 #) per tracce di sentiero che salgono ripide tra arbusti e pietre. Presa quota la traccia si fa più netta e si sale tra il fitto bosco di conifere. Il sentiero entra nella valle (vallone di Mileto) quindi a quota 1150 m si inizia a traversare nettamente verso sinistra. La multattiera è sempre visibile e sale con strette svolte nel bosco. Altro traverso e si entra nella val Dentro (1650 m circa). Si percorre tutta la valle sul fondo, si oltrpassa un rudere di rifugio (1664 m #) e si continua fino ad una sella (bivio, 1740 m circa, 2:40 ore). Qui si devia a destra (sentiero Q6 #) e si sale sul crinale. Per questo si continua senza difficoltà fino in vetta al monte Mileto (1903 m, 3:15 ore).

Discesa

Dalla cima del monte Mileto si continua seguendo la cresta sud-est (sentiero Q4 #). Giunti a quota 1820 m circa si lascia il crinale e si segue la pista che scende verso sinistra. Per questa si perde quota # fino a giungere nei pressi del rifugio del Passo San Leonardo. Ad un netto bivio si prende verso destra (sentiero Q3 #), si superano i vecchi impianti di sci # e in lieve discesa si prosegue aggirando tutto il versante orientale della montagna. A quota 1150 m circa si incontra quello che resta del recinto che conteneva i camosci prima della loro reintroduzione (Pian dell'Orso). Per una pista si continua a scendere fino ad incrociare la strada asfaltata (1045 m #). Salire verso sinistra e dopo un centinaio di metri prendere il sentiero che inizia sulla destra (sentiero Q1 #). La traccia passa sotto i muri di cemento che sostengono la strada # quindi continua per un altro tratto fino ad incrociare di nuovo la strada asfaltata. Da qui si prosegue sul manto stradale fino alle auto (2:00 ore).

tracciato escursionismo, da pacentro al monte mileto

Dati tecnici

  • Difficoltà: E
  • Segnaletica: segni bianco-rossi e tabelle ai bivi. Sentieri del Parco n. Q5 (ex it. 10), Q6, Q4, Q3, Q1.
  • Dislivello: 1050 m circa
  • Orario complessivo: 4:30/5:30 ore
  • Sviluppo complessivo: 17 Km circa
Bibliografia
  • Majella le più belle escursioni - Società Editrice Ricerche
Cartografia
  • Carta 1:25000 Majella - SER
  • Carta 1:25000 Montagne del Morrone – CAI Sezione di Sulmona
  • Carta 1:25000 Majella - Ed. Il Lupo

Immagini

Foto tratte da logo flickr Flickr (Antonio Palermi)